Vegano, vegetariano o onnivoro...questo è il dilemma!

Oggi va di moda essere vegetariani o vegani, purtroppo non la vedo come una presa di coscienza, ma semplicemente una moda spudorata. Tutto quello che di marcio c'è intorno al mondo del cibo, è dovuto al nostro sfruttare in modo incontrollato, la catena alimentare. Abbiamo rotto tutti gli equilibri che esistevano in natura, abbiamo e continuiamo ad inquinare drasticamente la nostra Terra. Sfruttiamo fino all'esasperazione ogni risorsa senza domandarci che conseguenze avranno queste nostre azioni. Tutto questo perchè vogliamo avere le pance piene fino a scoppiare: grassi, zuccheri, coloranti, additivi alimentari, quantità sempre più grandi di cibo, strabordanti, nauseanti, volgari e troppe in tutto. Questo è il nostro male, il non saper più dire BASTA. Basta a scoppiare per troppo cibo, basta ad usare indiscriminatamente le materie prime, la flora e la fauna. Basterebbe così poco, basterebbe il famoso QB, di tutto un pò ma senza esagerare, basterebbe mangiare per essere sazi ma non pieni, basterebbe non specchiare i nostri problemi mentali sul cibo, basterebbe rispettare tutto quello che oggi abbiamo, con estrema facilità, mentre una volta andava sudato.
Onnivora per sempre ma con la regola della dieta mediterranea: poco, pochissimo di tutto. Ed è così che si vive meglio, con il piatto non carico di cibo, ma appena colorato.
Ma d'altronde, il cibo, oggi rappresenta pienamente quello che è la nostra società: un groviglio di odori, colori, suoni, sostanze buttate lì a casaccio, Lo guardi ed oggi è chiamato vegano, domani vegetariano, poi onnivoro, dopo sarà sperimentale, futuristico.
Tante cavolate che solo noi umani sappiamo fare.




Post più popolari